Home > Agenda, Castrovillari, News, Spettacoli > Primavera dei Teatri, il programma del quarto appuntamento

Primavera dei Teatri, il programma del quarto appuntamento

foto PDTCastrovillari (CS) – Oggi, 31 maggio, tre spettacoli in scena per il quarto appuntamento della rassegna Primavera dei Teatri, ideata e organizzata dalla compagnia Scena Verticale.

Si parte, alle ore 19, nella sala delle Arti, con “Cucinar Ramingo – In capo al mondo”, in prima nazionale, proiezione musicale di teatro-cucina itinerante di e con Giancarlo Bloise.

Un vero e proprio inno all’arte della cucina, al saper fare con le mani e al lavoro artigianale. Un viaggio. Un racconto. Una ricetta. Un modo di fare. Una cucina sorge a poco a poco. Sostiene la manipolazione, l’alterazione della carne e degli altri ingredienti verso un prodotto cotto e assimilabile.

L’azione fonde in un’unica sfera sensoriale percezioni di sensi distinti, mirando giocosamente al ventre. Sfrigolii, cottura, sibilo del fuoco, tagli divengono colonna sonora che accompagna tutte le stagioni di un cuoco. Strumento per giocare diviene, dunque, la musica del cucinare e del linguaggio, eseguita in tono Ramingo.

La precisione della preparazione gastronomica unita all’esotismo della favola, per un piatto gustoso da servire a spettatori di ogni tipo, che esperiranno il gusto del cotto assumendosene piena responsabilità, come nella vita.

Alle ore 20.30, al Teatro Sybaris, la compagnia Musella Mazzarelli presenta “La Società – Tre atti di un’umana commedia”, scritto e diretto da Lino Musella e Paolo Mazzarelli.

Quattro personaggi, per due attori, si trovano a dover gestire un locale lasciato loro in eredità. L’amicizia e il sogno di una gestione condivisa non basteranno però ad evitare che la società finisca nel peggiore dei modi. Uno spettacolo che svela il volto infido e beffardo di un nemico intimo e invisibile, quel seme della discordia che si nasconde in ogni tentativo di società e prima ancora in ognuno di noi.

Alle 22.15, nella sala 14 del Protoconvento francescano, in prima nazionale, “Mangiare e bere – Letame e morte” di Davide Iodice, con Alessandra Fabbri.

Un lavoro di teatro e danza per una danzatrice sola che costruisce sul palcoscenico un mondo intero. Un mondo animale, inteso nel suo significato più stretto, di bestia, e nel suo senso totale, di essere vivente. Uno spettacolo sui bisogni essenziali, sull’istinto, sulla nostra animalità. Un poemetto fisico, in cui l’animale rivela l’umano e le sue mancanze.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: