Home > Psicologia > Psicologia | Differenziare i rifiuti è un processo psicologico

Psicologia | Differenziare i rifiuti è un processo psicologico

di dott.ssa Simonetta Bonadies*

Una buona raccolta differenziata non dipende solo da fattori economici e politici, ma anche da fattori psicologici individuali e comportamentali. Cosa spinge dunque a fare o meno la raccolta differenziata dei rifiuti? Quali sono i fattori psicologici implicati?

Dal punto di vista psicologico la raccolta differenziata non consiste esclusivamente nel gettare una bottiglia di plastica o un pezzo di carta in un contenitore particolare, ma costituisce un’operazione che attiva processi sociali e individuali.
Schwartz (1973, 1977) sostiene che i comportamenti ecologici rappresentano particolari tipi di comportamenti altruistici, volti cioè a favorire gli interessi e il benessere della collettività piuttosto che del singolo individuo. La messa in atto di un comportamento altruistico infatti presuppone una precedente presa di coscienza degli effetti positivi che il proprio comportamento ha sugli altri nonchè delle proprie responsabilità personali. Ciò significa che il sentrsi utili, responsabili e in grado di indurre conseguenze positive nelle altre persone, ma più in generale nel contesto sociale in cui si vive, induce ognuno di noi a comportamenti altruistici quali ad esempio il rispetto delle norme ecologiche che prevedono la raccolta differenziata.

Probabilmente lavorare su questi aspetti e incrementare l’informazione (nelle scuole ad esempio) circa i benefici di una corretta raccolta differenziata sulla salute e sulla qualità della vita, potrebbe migliorare il rispetto delle norme ecologiche da parte dei cittadini che forse imparerebbero a non abbandonare i propri rifiuti domestici per strada, come capita spesso di vedere nella nostra città.

Non basta imporre nuove norme, i cittadini dovrebbero condividere nuovi valori culturali circa la reale utilità di abitudini ecosostenibili. Come si può educare ad una nuova cultura ecologica quando la burocrazia viaggia ancora su carta e quando nei supermercati la maggior parte delle confezioni è ancora in plastica o polstirolo?

*Psicologa

Annunci
Categorie:Psicologia
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: