Home > News > IL 2012: L’anno bisestile caratterizzato, nel Pollino e a Castrovillari, da terremoti, battaglie civili e politiche

IL 2012: L’anno bisestile caratterizzato, nel Pollino e a Castrovillari, da terremoti, battaglie civili e politiche

I PRINCIPALI AVVENIMENTI DELL’ANNO APPENA TRASCORSO

di Roberto Fittipaldi

protesta_tribunale_ROMA

E’ la politica la protagonista del 2012 a Castrovillari. Le elezioni comunali, infatti, assorbono gran parte dell’anno che sta per chiudersi insieme con la frana del colle della Madonna del Castello, la battaglia per la difesa del Tribunale, a rischio soppressione (nella foto la protesta a Roma), e la sanità, sempre nel mirino della Regione.
Gennaio si apre con la perdita di un ex amministratore della città, il democratico Tonino Propato. Dopo di lui la politica cittadina piangerà anche l’ex comunista- cardiologo Giacinto Luzzi, che morirà il 25 aprile, e il “sindaco buono” della città, Franco Fortunato, scomparso il 17 maggio.
Per la prima volta il centrosinistra sceglie il proprio candidato sindaco alle primarie che si svolgono con una larga partecipazione (3201 votanti) il 29 Gennaio. Cinque i concorrenti Giovanni Donato, Lucio Rende, Domenico Lo Polito (Pd), Carletto Sangineti (Psi), Pina Sangineti (Sel). Il prescelto, Domenico Lo Polito, sarà eletto sindaco a giugno. Prosegue anche in gennaio 2012 lo sciame sismico che interessa dal 2010 il territorio del Pollino. La Regione Calabria chiede al Governo il riconoscimento dello stato di attenzione per il potenziale pericolo in atto e la conseguente emanazione di una specifica «ordinanza di prevenzione» per i comuni di Mormanno, Laino Borgo, Castrovillari e Laino Castello. Sempre in gennaio il sindaco, Franco Blaiotta, d’accordo con il presidente del Comparto Agroalimentare Piana di Cammarata, Renzo Caligiuri sollecita il governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti, ad avere un’attenzione particolare verso la produzione ortofrutticola della zona che pur avendo raggiunto risultati importanti, rischia, per via della crisi economica in atto e per la mancata competizione esistente con le diverse realtà dell’eurozona, di vedere minate irrimediabilmente le sue potenzialità produttive e occupazionali. Venti aziende di servizi turistici, commerciali, artigianali e agriturismi del versante calabro del Pollino, da gennaio, con la firma delle convenzioni, grazie al piano di sviluppo rurale della regione Calabria e a quello di sviluppo locale pianificato dal Gal, partecipando con fondi propri (oltre un milione di euro), otterranno altrettanti fondi per implementare l’offerta turistica del Parco del Pollino. Febbraio si apre con lo schieramento di Italia dei Valori al fianco del candidato sindaco delle Liste civiche, Ferdinando Laghi che sarà il contendente al ballottaggio di Lo Polito. Il 54esimo Carnevale di Castrovillari convince poco gli spettatori confermandosi più una kermesse mediatica che necessita di novità. La raccolta differenziata dei rifiuti, attivata attraverso il metodo “porta a porta”, arriva al 58%. La direzione generale dell’Asp di Cosenza dispone la completa chiusura del reparto di ortopedia e traumatologia dell’ospedale di Castrovillari. Le proteste dei cittadini, della politica e delle associazioni ne scongiureranno la soppressione.

frana madonna del castelloNella notte tra il 5 e il 6 marzo si stacca un pezzo di costone della collina su cui sorge il Santuario della Madonna del Castello (foto). E’ la più grossa ferita inferta al patrimonio storico e religioso della città, che porterà alla impossibilità di raggiungere in auto il luogo di culto e a valutare la gravità del dissesto idrogeologico che interessa l’area. Occorrerebbero oltre 15 milioni di euro per affrontarlo. In febbraio l’Udc castrovillarese decide di correre alle elezioni comunali con il centrosinistra, lasciando la maggioranza di centrodestra guidata da Blaiotta. Il dimensionamento scolastico, ovvero la previsione dell’aggregamento di più scuole di base, provoca la protesta dei genitori degli alunni delle scuole elementari e medie. Arriva il nulla osta del Vaticano per la canonizzazione di zì Monaca, la suora semplice di Castrovillari venerata come “monaca santa”. Ad aprile inizia la campagna elettorale con quattro candidati sindaco, Lo Polito centrosinistra, Rosa, centrodestra, Laghi, Liste civiche, Idv e Fli e Ventura, Forza Nuova. Inizia pure la battaglia contro la soppressione del tribunale che caratterizzerà tutta l’estate.

Il 2012, nel mese di maggio, si caratterizza per le elezioni comunali. Sono 20.181 gli elettori chiamati alle urne domenica 6 e lunedì 7 Maggio per eleggere il sindaco tra quattro contendenti: Vincenzo Ventura (Forza Nuova), Mario Rosa (centrodestra), Ferdinando Laghi (Liste civiche, IDV e FLI) e Domenico Lo Polito (centrosinistra) e 16 consiglieri comunali. Domenico Lo Polito totalizzerà 5.929, il 44,15% e andrà al ballottaggio in giugno per sfidare Ferdinando Laghi (4.711 voti – 35,08%). Sempre in maggio iniziano le proteste contro il rischio chiusura del Tribunale. Gli impiegati inscenano un sit in dinanzi il Palazzo di giustizia mentre cominciano anche gli incontri romani con il capo del dipartimento del ministero della Giustizia, Luigi Birritteri al quale si rappresentano le peculiarità territoriali e specifiche del presidio giudiziario del nord Calabria che merita la sopravvivenza. Il 17 maggio muore prematuramente l’economista e docente Franco Fortunato, già sindaco di Castrovillari dal 1998 al 2002. Sarà ricordato come il “sindaco buono” e colto che impresse nuove progettualità all’ente Comune.

lopolitosindacoIl 21 maggio Domenico Lo Polito (foto) trionfa al ballottaggio su Laghi ottenendo 1581 voti in più. Alle 18,30 entra nel Palazzo di città e con commozione dice «Questa sarà la stanza di tutti i castrovillaresi».  Lo Polito, del centrosinistra, appoggiato da Pd, Psi, Udc, lista Progressisti e Sel, ha ottenuto 6611 voti, il 56,79%, mentre Laghi 5.030 pari al 43,21%.11.947 sono stati i votanti su un corpo elettorale di 20.181 persone. Lo Polito giurerà dinanzi il Consiglio comunale durante la prima riunione del 6 giugno. Tra i primi atti adottati la revoca della delibera della precedente giunta relativa al dimensionamento scolastico. Proseguono le iniziative a difesa del tribunale. Inizia la mobilitazione attraverso il comitato per la sopravvivenza del presidio giudiziario.

Il Consiglio comunale esprime vibrata opposizione rispetto a qualunque ipotesi o tentativo di soppressione o ridimensionamento e preannuncia convocazioni permanenti. Sono 39 i comuni della giurisdizione del tribunale e 135.256 i cittadini che la popolano. Arrivano da tutta l’area alla fiaccolata organizzata per le strade cittadine il 26 giugno. In quella data sembra che il tribunale sia ad un passo dalla chiusura. Il 2 luglio una folta delegazione di amministratori, avvocati e cittadini si presenta sotto la sede del ministero della giustizia, in via Arenula, dove è riunita la ministro Severino per decidere sulla nuova geografia giudiziaria, per gridare che il tribunale non si tocca anche perché è stata appena costruita una nuova sede che è costata allo Stato 12 milioni di euro e, negli anni passati, un’aula bunker, costata altri 5 milioni di euro. Nonostante tutto arriva il decreto legislativo del governo che sopprime 37 tribunali in Italia, tra cui quello di Castrovillari. La mobilitazione degli ordini professionali e dei cittadini e l’attività politico-parlamentare riparte a spron battuto per salvare la “cittadella della giustizia”.

E’ il 16 luglio quando inizia, di nuovo, la triste stagione degli incendi nel Parco del Pollino e a Castrovillari. Da Conca del Re verso Pollinello, sulla Manfriana, ad Eianina, a San Rocco, a Castrovillari è un susseguirsi di fiamme e fumo. Le fiamme da Monte Canino e da Conca del Re si propagano verso Dolcedorme minacciando i Pini loricati. «Tutto il Parco è circondato da incendi». Il presidente del Parco del Pollino, Domenico Pappaterra che riceverà molte critiche ma, alla fine, anche il plauso del ministro dell’Ambiente per come è stato difeso il territorio, lancia l’allarme in uno dei momenti più delicati dell’estate trascorsa. Mentre bruciano le montagne, il 17 luglio i commercianti chiudono in segno di protesta per la soppressione del tribunale. Tuttavia arrivano anche momenti di relax e di intrattenimento culturale con la musica jazz protagonista assoluta per una settimana nel castello Aragonese grazie al Peperoncino Jazz Festival. Il Comune dichiara guerra ai cittadini che non smaltiscono secondo le regole i rifiuti e grazie ai nuovi ispettori ambientali volontari fa recapitare sessanta multe. Proseguono gli incendi e cadono gli “invincibili”, i pini loricati. La situazione si fa grave e il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini si reca in visita al Parco bruciato. La Sorical mette in mora il Comune di Castrovillari richiedendo 4,2 milioni di euro. A fine luglio il neo sindaco Lo Polito s’imbatte con le prime sofferenze finanziarie. Ci vorrà agosto per avere la buona notizia. Il Consiglio dei Ministri taglia 31 Tribunali in Italia salvando quelli in zone di mafia, tra cui Castrovillari al quale sarà accorpato il presidio giudiziario di Rossano Calabro. Soddisfazione del sindaco di Castrovillari e dei rappresentanti dei comitati che hanno lottato per la sopravvivenza.

incendio_serpentoneE nella notte del 24 agosto gli incendi lambiscono il centro abitato della zona nord della città raggiungendo monte sant’Angelo, da dove San Francesco da Paola, diretto in Francia, salutò la Calabria.

Il 2012: l’anno bisestile si conferma terribile. La crisi economica detta i tempi ai cittadini e alle istituzioni che lottano contro i tagli, difendono a denti stretti tribunale e ospedale mentre la terra trema in continuazione. Gli ultimi mesi dell’anno sono caratterizzati dalla sofferenza finanziaria del Comune su cui incombe il rischio del dissesto. Settembre vede il lavoro in primo piano con i dipendenti delle Ferrovie della Calabria che protestano per il mancato pagamento degli stipendi, per i licenziamenti effettuati e per quelli ventilati. Domenico Pappaterra viene riconfermato alla guida dell’Ente Parco Nazionale del Pollino. Al Comune arriva la deliberazione della sezione regionale della Corte dei Conti riguardante la pronuncia sul rendiconto dell’esercizio 2010 che ravvisa gravi criticità. Il sindaco, Lo Polito, dichiara che sarà fatto di tutto per evitare il dissesto e rassicura i dipendenti comunali che non ci sarà nessun licenziamento. Il 9 ottobre l’Amministrazione comunale presenta la bozza di Piano Strutturale Comunale che disegna la città che verrà. Nasce la delegazione del Fondo Ambiente Italiano del Pollino con sede in città, guidata da Donatella Laudadio. Il consiglio comunale discute del dissesto idrogeologico e della frana del colle della Madonna del Castello che incombe sempre sul santuario diocesano. Anche il capoluogo del Pollino intercetta i finanziamenti dei Pisl (Progetti Integrati di Sviluppo Locale): milioni di euro per valorizzare le infrastrutture pubbliche e incrementare le produzioni locali.

Nella notte tra il 25 e il 26 ottobre, alle ore 1,05, la vita di migliaia di abitanti nel nord Calabria e nel sud della Basilicata viene sconvolta da una scossa di terremoto di magnitudo 5.2 con epicentro a Mormanno, dove scorre una faglia che dà luogo da due anni ad un intenso sciame sismico che ha originato, sino ad allora, oltre 2200 scosse. Il paese del Pollino registra i danni maggiori insieme con i centri di Laino Castello, Laino Borgo, Morano Calabro e Rotonda, in provincia di Potenza. Il Papa prega, la domenica successiva, per i terremotati del sud. Ritorna, a novembre, “Primavera dei teatri”. E’ una fioritura tardiva per la fortunata rassegna di Scena Verticale (Saverio La Ruina, Dario De Luca, Settimio Pisano), dedicata ai nuovi linguaggi della scena contemporanea, dovuta al ritardo dei contributi regionali. Ancora tanta paura, in novembre, per lo sciame sismico che continua. Il vescovo di Cassano all’Jonio, mons. Nunzio Galantino e la chiesa diocesano si stringono alle popolazioni colpite dal sisma. I cittadini lamentano di essere stati lasciati soli dalle istituzioni ma non si arrendono. Terremoto civile e politico, tra il 5 e il 6 novembre, a Castrovillari, durante la Comunità del Parco chiamata ad esprimersi sulla riattivazione della Centrale Enel del Mercure di Laino Borgo. Cambio della guardia alla caserma “Ettore Manes” dell’Esercito. Il tenente colonnello Vincenzo Marinelli è il nuovo comandante del 132° Battaglione “Livenza”. Subentra al tenente colonnello Antonio Micunco. Il 9 novembre il Consiglio dei ministri dichiara lo stato di emergenza per i comuni del territorio del Pollino colpito dal terremoto stanziando 10 milioni di euro per la prima accoglienza e il soccorso alla popolazione. S’intensificano le esercitazioni di protezione civile. L’amministrazione comunale attiva un tavolo di confronto per predisporre iniziative per la messa in sicurezza del colle della Madonna del Castello ed anche per agevolare l’accesso al santuario. L’associazione donatore sangue Avis festeggia 20 anni. Il 30 novembre la maggioranza di centrosinistra traballa. Cinque consiglieri comunali si astengono nella votazione dell’assestamento di bilancio e il sindaco Lo Polito annuncia le dimissioni.

ospedale_presidioDicembre è il mese della lotta di questi giorni per l’accorpamento decretato dalla Regione degli ospedali di Castrovillari e Acri in un unico ospedale spoke, ovvero di riferimento per l’area nord della Calabria. Il Comune dice “no” alla soppressione delle autonomie scolastiche. Il 10 dicembre l’attore Saverio La Ruina, di Scena Verticale, riceve a Milano il Premio Ubu 2012 come “Miglior attore italiano”. L’amministrazione comunale risponde alle criticità rilevate dalla Corte dei Conti e propone le misure per evitare il dissesto. Lo Polito, sostenuto dai segretari dei partiti politici di maggioranza, desiste dall’idea di dimettersi. «E’ l’ora della responsabilità e dei sacrifici». Il Comune ha una passività di 15 milioni di euro a cui vanno aggiunti altri 22 milioni di euro tra prestiti, mutui ed obbligazioni. Il tutto ereditato dalle precedenti amministrazioni. Sono le 12,03 quando la terra trema ancora una volta a Castrovillari e nel Pollino calabro-lucano. La prima scossa, di magnitudo 3.4 con epicentro a Morano Calabro genera paura e panico in città mentre Comune e Esercito testano il Piano comunale di protezione civile. E’ ancora emergenza rifiuti in città. Il carnevale di Castrovillari promuove la lotteria per la Madonna del Castello. Il resto è cronaca di queste ore, che avrà sviluppi nell’anno che verrà.

Annunci
Categorie:News
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: