Home > News > La città abbraccia il suo ex Sindaco Franco Fortunato

La città abbraccia il suo ex Sindaco Franco Fortunato

IL RICORDO DEL NOSTRO DIRETTORE

Castrovillari (CS) – Folla e commozione oggi pomeriggio ai funerali del dott. Franco Fortunato, economista, dottore commercialista, già sindaco della città di Castrovillari dal 1998 al 2002, scomparso ieri mattina a seguito di un malore accusato qualche mese fa.
Alle ore 15 è stata aperta la camera ardente presso il Protoconvento francescano, il centro culturale della città che proprio lui, da Sindaco, aveva inaugurato all’inizio del suo mandato. Alle 17, poi il corteo funebre si è mosso per la chiesa di San Francesco, già gremita al suo interno dal primo pomeriggio. Sul sagrato due ali di folla hanno accolto la bara portata a spalle da casa sua, poco più sotto la centralissima chiesa. Qui si è svolta la cerimonia eucaristica durante la quale il Parroco, padre Paolo Sergi ha pronunciato una delicata omelia sulla morte e resurrezione esaltando le qualità dell’uomo che amava alcune pagine del Vangelo e che è stato chiamato da Dio alla guida della città, condotta così come un Pastore è chiamato a fare. Quindi l’elogio funebre di alcuni ex amministratori, Antonello Pompilio e Gianni Donato, amici, Luca Donadio, del presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti, Vincenzo De Franco e di una delle due figlie, Alessandra. Tutte toccanti le orazioni, quella di Donato ha ricordato che Fortunato amava la Parabola del Buon Samaritano, perchè lui era caritatevole e amorevole verso tutti. La figlia Alessandra, insieme a Francesca e alla moglie Memena La Regina hanno ringraziato la città per essergli stato vicino durante questi mesi di sofferenza ed ora nel tragico momento della dipartita dimostrandogli come la città abbia ricambiato l’amore e la passione che lui riversava su di essa.

Già ieri avevano espresso il loro cordoglio il centro sinistra di Castrovillari, il dirigente del PD, Gianni Donato, già vice sindaco con Fortunato, l’on. Domenico Pappaterra e il sindaco della città, Franco Blaiotta, che ha partecipato anche alle esequie. I due candidati sindaco, Lo Polito e Laghi, hanno convenuto, invece, di sospendere i comizi e chiudere anticipatamente un giorno prima la campagna elettorale in vista del ballottaggio di domenica e lunedì prossimi.

STOP AI COMIZI FINALI
I due candidati sindaco in corsa per il ballottaggio, Ferdinando Laghi e Domenico Lo Polito, decidono di comune accordo di rinunciare ai comizi finali di venerdì 18 Maggio per onorare la scomparsa dell’ex sindaco Franco Fortunato.

La prematura scomparsa  dell’ex sindaco della Città di Castrovillari, Franco Fortunato, amministratore della città dal 1998 al 2002 impone uno stop alle iniziative elettorali che ci vedono protagonisti di questo scorcio finale della campagna elettorale per le amministrative di Castrovillari. Il senso di comunità, ma anche di rispetto per la figura di un ex amministratore, professionista ed uomo stimato ed apprezzato da tutta la Città, ci ha trovati comunemente d’accordo nel renderci protagonisti di uno stop anticipato del silenzio elettorale che sarebbe iniziato allo scoccare della mezzanotte di domani.
Abbiamo pertanto concordato, anche per esprimere alla famiglia Fortunato il più sentito cordoglio, di sospendere il comizio di chiusura della campagna elettorale.

IL RICORDO DI LO POLITO E DEL CENTROSINISTRA
Franco Fortunato ci ha lasciati all’improvviso con l’eleganza, la delicatezza, l’estrema discrezione con le quali ha sempre vissuto e che ne hanno sempre contraddistinto la cifra umana. Professionista di grandissima levatura, maestro di tanti nella complessa disciplina finanziaria, sindaco di una città proiettata nel futuro – grazie all’azione politica e amministrativa segnatamente svolta in favore di un sano sviluppo scolastico e urbanistico –, di una città innamorata del bello e della cultura, Franco Fortunato è stato uno dei principali protagonisti di una stagione densa di eventi e di fermenti. Con il bello e con la cultura, del resto, egli era in stretta intimità, ne era un amante appassionato quanto ricambiato, con quel suo profondo interesse per la storia e i personaggi di una Castrovillari perennemente nel suo cuore, che adorava ricordare amabilmente negli incontri con gli amici come pure nei colloqui con i cittadini che si rivolgevano a lui per qualche ragione. Ed ogni occasione era buona per rammentare un verso di antica saggezza, descrivere un dipinto che lo aveva ammaliato, rievocare luoghi particolari e ricordi inediti. Vergava ogni pensiero a mano, come in una ininterrotta dedica alla vita, con un’elegante stilografica dall’inchiostro rosso e con la cura di una persona che non voleva perdere il suo tempo e le sue parole e che considerava importante il tempo e le parole degli altri.
Caro sindaco, grazie per essere stato dei nostri. Ti abbraccia, ora, un universo di bellezza e di amore.

IL RICORDO DI GIANNI DONATO

La notizia della scomparsa di Franchino Fortunato mi ha colpito e rattristato come se avessi perso un componente della famiglia!
Per me Franchino, infatti, è stato come un fratello maggiore: mi ha voluto bene ed ha ulteriormente insegnato a me cattolico militante, Egli laico, come soleva definirsi, che la Politica è la migliore testimonianza che si possa dare quando essa è messa al servizio dell’Uomo, soprattutto di quello più debole e diseredato!
Del resto parafrasava, non tanto inconsapevolmente, quello che disse il compianto Papa Paolo VI : “ La Politica è la più alta forma di Carità” !
E questo assioma, Franco Fortunato Sindaco di Castrovillari, lo esplicitava nella redazione del bilancio comunale, in cui era un maestro impareggiabile, da Economista eccellente: borse lavoro, reddito minimo mensile, assistenza domiciliare gratuita agli anziani soli ed agli infermi, medicinali gratuiti, soggiorni estivi ed invernali, convenzioni con gli istituti di credito con la garanzia del Comune destinate ai Cittadini volenterosi e bisognosi, contributi per i giovani intenzionati ad avviare attività lavorative, che hanno rappresentato le cifre più cospicue del bilancio comunale, per tutti e quattro gli anni della sua consiliatura.
Per non parlare della Sua attenzione verso i giovani: assistenza diretta ed indiretta a tutte le Associazioni giovanili, soprattutto a quelle più spiccatamente culturali ; riconoscimenti ai giovani castrovillaresi distintisi in Italia, in Europa e nel mondo per le loro attività professionali e di ricerca; lo sportello “ informa giovani “ ; gli sforzi per completare l’Istituto Statale d’Arte; per la costruzione del Liceo Scientifico; per ristrutturare le Scuole rurali; per la costruzione di asili nido e scuole materne ; per il completamento del Protoconvento, cenacolo di Cultura e vanto della Città!
E che dire del completamento e dell’ammodernamento del sistema viario cittadino, degli spazi verdi, dei luoghi di aggregazione e d’incontro, dello sviluppo urbanistico armonico che evitasse lo scempio del territorio e privilegiasse la conservazione del centro antico e l’abitabilità del centro storico !
Purtroppo, talora, la sua azione politica lungimirante e moderna non è stata molto compresa ma ha lasciato i suoi frutti anche a chi ha amministrato dopo di lui.
Sono orgoglioso di essere stato il suo collaboratore più stretto, di avermi fatto sentire come suo Vicesindaco e della nostra Città, l’entusiasmo di chi dà tutto, gratuitamente, come ha fatto Lui, per il Bene comune.
Grazie Franchino, caro Amico mio; voglio immaginarTi e salutarTicosì:
“Quando stamane il mio fraterno Amico, Franchino Fortunato, è comparso davanti a Gesù Misericordioso, ha, certamente, sentito da Lui queste Parole:  “Vieni, benedetto del Padre mio, ricevi in eredità il regno preparato per Te fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi hai dato da mangiare, ho avuto sete e mi hai dato da bere, ero straniero e mi hai accolto, nudo e mi hai vestito, malato e mi hai visitato, ero in carcere e sei venuto a trovarmi”. Allora Franchino Gli ha risposto: “Signore, quando Ti ho visto affamato e ti ho dato da mangiare, o assetato e Ti ho dato da bere? Quando mai Ti ho visto straniero e Ti ho accolto, o nudo e Ti ho vestito? Quando mai Ti ho visto malato o in carcere e sono venuto a visitarTi?”. E Gesù gli ha replicato: “In verità io Ti dico: tutto quello che hai fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, lo hai fatto a Me”.

IL CORDOGLIO DI FRANCO BLAIOTTA
Il Sindaco, Franco Blaiotta, e l’Amministrazione comunale di Castrovillari, hanno inviato un telegramma alla famiglia Fortunato, esprimendo il loro cordoglio per la morte dell’ex Sindaco del capoluogo del Pollino dal 98’ al 2002.
Blaiotta in una dichiarazione resa alla stampa lo ricorda con commozione, rievocandone gli anni della giovinezza comune e sottolineandone  le  sua vivacità intellettuale, le sue  capacità professionali ed il suo impegno civile che lo hanno sempre contraddistinto, facendone uno dei protagonisti della vita della nostra comunità. «Una figura – dichiara Blaiotta –  che rimpiangeremo e che ricorderemo sempre con stima ed affetto».

IL RICORDO DI DOMENICO PAPPATERRA
«Ho conosciuto e lavorato insieme con Franco Fortunato quando ero assessore regionale all’Ambiente e ho continuato a farlo quando sono diventato deputato del Parlamento italiano. E’ stata una stagione formidabile. Abbiamo cooperato insieme per realizzare diverse iniziative, molte delle quali erano pregne di quella sua visione strategica che guardava oltre il Pollino e la Sibaritide e che tratteggiava il suo acuto intelletto. Politico all’avanguardia, la sua opera fu determinante anche per la costruzione dell’Ulivo e per l’avvincente stagione del 2001. Professionista di prim’ordine, dalla grande umanità ed esperienza, sul piano amministrativo, quando fu alla guida della città di Castrovillari, lo ricordo per aver programmato attività altamente significative che hanno reso il suo lavoro molto apprezzato anche fuori della città, grazie anche alla sua innata capacità di dialogare con il mondo esterno, la Provincia, la Regione, il resto del Paese, grazie proprio alla sua ampia visione strategica. Esprimo la mia vicinanza alla famiglia, commosso e rattristato per la prematura perdita».

 

Annunci
Categorie:News
  1. ludovico
    18 maggio 2012 alle 23:04

    Ero tormentato sullo scrivere o meno un commento sulla morte di quest’uomo che io ho avuto la fortuna di conoscere seppur tardivamente,ma nonostante il poco tempo passato assieme,di apprezzare e stimare quasi subitamente,non credo neanche che il mio commento venga pubblicato ma lo scrivo lo stesso come se lo stessi scrivendo al “professore”direttamente e dove sta lui adesso sono sicuro che il mio messaggio arrivera’ senza troppi sforzi.
    Lo chiamavo il “professore” come forma di rispetto, ci siamo conosciuti per storie che non sto qui a raccontare perche’ non le ricordo neanche bene, ecco, fatto sta che parlando,volta dopo volta la stima reciproca e’ andata aumentando esponenzialmente,ogni volta che il “professore” mi vedeva,mi invitava a prendere il caffe’ ed io dopo le prime due/tre volte che accettai l’invito,ho sempre rifiutato.
    Si perche’ offriva sempre lui,mi proibiva,mi impediva di pagare,era categorico,era autoritario in questo.
    Mi diceva: sei rimasto nel medioevo,sei un preistorico,ancora legato a vecchie consuetudini,quelle de “una volta pago io una volta paghi te”.
    Ecco,avrei voluto rispondere tante cose ma non l’ho mai fatto sia per una forma di rispetto reverenziale sia perche’ sapevo che aveva ragione lui,mi limitavo a diniegare l’invito e basta.
    Ecco dopo aver scritto queste righe mi sento meno peggio,perche’ io quella mattina che lo hanno portato via l’ho visto per l’ultima volta e poi non l’ho visto mai piu’,l’ho visto oggi pomeriggio in una cassa e quando ho sentito tutti quei rintocchi di campana ho capito di essere un po’ piu’ solo, e non e’ una bella sensazione,posso giurarlo.
    Caro “professore” la mia testimonianza forse vale quanto il caffe’ che non sono mai riuscito a pagarle,ma spero che le renda piu’ lieve il viaggio .
    IL ” ragazzo che aveva capito tutto ma non era mai stato mai capito da nessuno” la saluta.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: