Home > Castrovillari, News, Politica > Elezioni Castrovillari, sono quattro i candidati sindaco e il confronto si accende sul lavoro

Elezioni Castrovillari, sono quattro i candidati sindaco e il confronto si accende sul lavoro

Castrovillari (CS) – Le coalizioni in lizza per le prossime Amministrative del 6 e 7 Maggio, sono pronte per la presentazione ufficiale delle liste agli elettori. Sebbene solo oggi si è appreso lo schieramento effettivo delle forze in campo. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria ha accolto, infatti, il ricorso di Forza Nuova, la cui lista, con candidato sindaco Vincenzo Ventura (nella foto), era stata esclusa. Respinto, invece, quello di Sinistra per Castrovillari, con candidato sindaco Francesco Miglio. Saranno quattro, quindi, gli aspiranti sindaco (secondo il primo sorteggio che aveva indicato il seguente ordine e che sarà rifatto domani): Ferdinando Laghi, Mario Rosa, Domenico Lo Polito e, appunto, il riammesso Vincenzo Ventura.

La presentazione delle liste del centrosinistra all’elettorato
Sarà Mimmo Lo Polito, giovedì 12 alle 18.30, presso il Cinema Teatro “Ciminelli“, a presentare la sua coalizione, con le 5 liste –  Sinistra, Ecologia e Libertà, Partito Socialista Italiano, Partito Democratico, Unione di Centro e Progressisti per Castrovillari – che sostengono la sua candidatura a sindaco della città. 
I temi fondamentali al centro del programma politico del centrosinistra – come sottolinea lo stesso Lo Polito in un comunicato stampa – sono lo sviluppo del territorio, la crescita infrastrutturale ed il sostegno alle imprese ed al lavoro, “in un’ottica di gestione associata dei servizi e della centralità di Castrovillari”, che lasci ampio spazio anche al turismo, con la valorizzazione paesaggistica del territorio, ed alla cultura.

Famiglia e lavoro, sono gli obiettivi principali su cui verte la campagna elettorale portata avanti da Mario Rosa, candidato a sindaco per la coalizione di centrodestra, sostenuta da Popolo della Libertà, Partito Repubblicano Italiano, PPSD, Nuovo PSI e La Destra e Mario Rosa Sindaco. Aumentare i servizi per l’infanzia, riconsiderare le modalità di imposizione dei tributi e favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro – incentivando l’artigianato, l’imprenditoria ed il commercio – i punti cardine su cui impostare il programma governativo. Un impegno che prevede, tra l’altro, l’apertura dello “Sportello d’Europa”, per creare un collegamento concreto e produttivo con le possibilità che il mercato del lavoro europeo offre, che operi in sinergia con l’attività di un “Osservatorio Comunale”, per ricercare e monitorare i finanziamenti regionali, nazionali ed europei, e svolgere una funzione-guida per i commercianti, gli artigiani ed i giovani imprenditori che si affacciano per la prima volta sul mercato del lavoro.

Ancora il lavoro, come “priorità assoluta per il rilancio di Castrovillari”, al centro del programma amministrativo proposto dalla coalizione  (Liste Civiche, IDV e FLI) che sostiene la candidatura a sindaco di Ferdinando Laghi. Una priorità ribadita anche in seguito alla polemica con l’Amministrazione comunale per il mancato pagamento delle spettanze dovute agli operai impegnati nella costruzione del nuovo Palazzo di Giustizia. Pagamento non ancora onorato, nonostante, a detta dei sindacati, il Comune di Castrovillari abbia già ricevuto le somme dovute, per gli stati di avanzamento dei lavori. “Molteplici sono i presidi occupazionali presenti nel nostro territorio – precisa in un comunicato la coalizione che sostiene la candidatura di Laghi – presidi che vedono lavoratori ed impreditori impegnati per la crescita della città, che noi vogliamo difendere e tutelare”. L’obiettivo è quello di creare le condizioni necessarie perchè possano nascere nuovi posti di lavoro, “per dare slancio e speranza ai tanti giovani che oggi hanno conosciuto, del lavoro, solo l’aspetto negativo della disperazione e della mortificazione”.

Annunci
  1. Gregorio Marzano
    12 aprile 2012 alle 12:59

    Sarei curioso di conoscere cosa vuol dire politicamente “incentivare l’artigianato, l’imprenditoria ed il commercio” con 22 (o 26) mln di euro di debito del Comune…perché leggendo solo la dichiarazione uno può anche pensare che sia come dire di aprire il mercato della raccolta dell’acqua piovana…

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: