Home > News, Politica, Scuola > Dimensionamento scolastico, rinviata la manifestazione. Forse una schiarita

Dimensionamento scolastico, rinviata la manifestazione. Forse una schiarita

Castrovillari (CS) – E’ stata rinviata la manifestazione pubblica prevista per sabato prossimo [ARTICOLO] e preannunciata dal movimento dei genitori che non hanno per nulla accettato il piano di dimensionamento scolastico pensato per Castrovillari [VIDEO].

La decisione è stata presa stasera all’unanimità dai rappresentati di classe e d’istituto presenti ad una riunione svoltasi presso la sede della Comunità montana in quanto sembrerebbe che il Comune, tra lunedì e martedì,  interverrà con una delibera di sospensiva della precedente adottiva del dimensionamento. I genitori, quindi, hanno deciso di aggiornare le iniziative da intraprendere all’esito del provvedimento.

Intanto, oggi, è intervenuta anche la coalizione di centrosinistra per Mimmo Lo Polito sindaco.

“Il problema aperto – per gli istituti, le famiglie, i nostri ragazzi – dal nuovo piano di dimensionamento scolastico deciso dal governo regionale può trovare un’adeguata e razionale soluzione solo attraverso il recepimento da parte della giunta comunale di Castrovillari di una delibera ufficiale attraverso cui revocare, con efficacia immediata, la precedente delibera (la n. 181 del 25/10/2011) con la quale si stabiliva la istituzione di tre istituti comprensivi, atteso che si voglia andare nella direzione della migliore organizzazione scolastica possibile”.

Il centrosinistra interviene decisamente nel merito di una questione che minaccia di ledere i diritti già acquisiti di famiglie e studenti di Castrovillari sia “in ordine al principio della continuità didattica che della fruizione di tutti gli insegnamenti”, come si legge nel testo di una proposta di delibera predisposta dalla coalizione.

Per la coalizione di centrosinistra che sostiene il candidato sindaco Mimmo Lopolito «E’ fatto ormai certo, come si evince nella delibera di opposizione al piano di dimensionamento scolastico,  che “l’adeguamento delle strutture esistenti per garantire l’accesso e la fruizione degli spazi e servizi comuni, ad alunni di diversa età appartenenti a gradi diversi” imporrà “la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria i cui costi non possono essere sostenuti per carenza di risorse in bilancio”; mentre con altrettanta certezza la creazione di soli 2 istituti comprensivi rispetterebbe “la ratio della norma in ordine al numero complessivo di alunni (senza la deroga per i comuni montani)”, consentirebbe alle strutture scolastiche oggi esistenti una migliore articolazione per ordine e per gradi dell’istruzione garantendo inoltre la necessaria continuità didattica e il mantenimento della sede di servizio di tutti i docenti.»

Annunci
Categorie:News, Politica, Scuola
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: